Quando la tradizione del Natale incontra l’innovazione

Il Natale spesso fa rima con una parola tanto cara ai nostri nonni: tradizione. Nel 2018, però, è sempre più difficile mantenere i costumi di una volta e risulta inevitabile un pizzico di contaminazione. Vediamo quali sono alcune delle novità più rilevanti che potrebbero scombussolare, ma anche rendere più intrigante il nostro Natale.

Amazon e gli alberi di Natale

Amazon pare voler conquistare anche il settore degli alberi di Natale. Il colosso e-commerce  ha annunciato che a partire dal mese di novembre gli abbonati Prime avranno la possibilità di acquistare, e ricevere direttamente a casa propria, alberi di Natale naturali di grosse dimensioni. L’iniziativa non è del tutto nuova a dire il vero, perchè già lo scorso anno l’azienda  aveva venduto abeti, ma alti circa un metro. Ora arriveranno anche abeti che superino i due metri. In rete qualche associazione si è lamentato del fatto che Amazon sta togliendo posti di lavoro a quegli operai stagionali che, ogni inverno, vengono chiamati nelle varie aziende di settore. Il colosso di Bezos, però, core per la sua strada, deciso a conquistare anche questa fetta di mercato.

Il pranzo di Natale

Che pranzo di Natale sarebbe senza la cucina dei nonni? O quella della propria madre? A quanto pare ora non la si pensa più così. Una delle tendenze più in voga per questo Natale è quello del Take Away. L’idea di base è quella di creare menù appositi dagli chef e che è possibile ordinare in rete. In Inghilterra c’è “Supper”, in America “Munchery”. In Italia la piattaforma “Franceat”. Qui chef professionisti pensano ai piatti e selezionano gli ingredienti: l’occorrente arriva a casa in un box refrigerato. Basta seguire le istruzioni e in 30 minuti il pasto è pronto. Con buon pace della cucina della nonna.

L’uovo interattivo

C’erano una volta le bambole parlanti. Da Ciccio Bello in poi è stata una continua evoluzione di giocattoli che interagivano con i bambini. Ora siamo arrivati all’epoca delle uova interattive. Di cosa si tratta? E’ un uovo che fa dei rumori e reagisce proprio come se si dovesse schiudere. Basta strofinarlo e “coccolarlo” per un certo periodo. Ad un certo punto la creatura al suo interno (un pupazzo di peluche) picchietterà l’uovo dall’interno fino a romperlo e a poter essere estratto. Di fatto, è l’evoluzione degli ovetti kinder. Molto più realistico e senza il cioccolato da mangiare!

Albero con Intelligenza Artificiale

La Huawei ha presentato recentemente a Milano il primo albero di Natale dotato d’Intelligenza Artificiale, in grado di riconoscere le emozioni e illuminarsi di differenti luci e colori. Questo prodotto di alta tecnologia  è stato collocato all’interno del CityLife Shopping District. Sino al 6 gennaio le persone potranno interagire scattandosi una foto con gli smartphone dell’azienda in mano agli elfi presenti in Piazza Tre Torri. Ogni giorno le foto saranno inviate al cuore tecnologico dell’albero che analizzerà le immagini identificando le emozioni delle persone e assegnando uno dei quattro colori disponibili ad ognuna, illuminandosi di conseguenza. Ogni 15 minuti quindi, l’albero mostrerà, mediante giochi di luce colorata, il sentimento predominante rilevato dagli scatti ricevuti. Un modo del tutto inedito di mischiare romanticismo e tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *